foamy
foamy

Mass Effect 2 e l’obiettivo “Nessun sacrificio”

Data primo inserimento: sabato 14 maggio 2011 alle 17:51:10

Se c’è una saga che ho giocato più di una volta senza stancarmi ma anzi, spingendomi a fare nuove scelte ogni volta, è sicuramente quella di Mass Effect. Ho perso il conto di quante volte l’ho iniziato e finito, ed ora conto i giorni all’uscita del terzo episodio, prevista (spero) per fine anno. Devo dire che nonostante avessi giocato sia il primo che il secondo episodio, quest’ultimo mi ha fatto dannare per ottenere l’obiettivo Nessun sacrificio, che consiste nel salvare tutto l’equipaggio senza alcuna perdita durante l’ultima missione, quella suicida nel portale Omega 4. Che ci vuole, direte voi: certo, ora che lo so come si ottiene, lo dico anche io ma non è stato certamente facile giungere a tale livello di conoscenza. Va per prima cosa detto che è importante che tutti i vostri compagni di squadra siano leali verso di voi, e questo lo si ottiene risolvendo le varie missioni ad essi legati ma attenti, soprattutto quando farete la missione di Jack (o Soggetto zero), perché se non avete il 100% della barra Eroe del vostro personaggio, alla fine di tale missione perderete o la sua lealtà oppure quella di Miranda Lawson, quindi, tenete questa missione per ultima, ottenete il 100% e poi affrontatela, ve lo dico per esperienza! Ora che avete la lealtà di tutti ed avrete attivato il segnale per entrare nel portale Omega 4 (prima di entrare nel portale ed attivare il segnale di riconoscimento, io vi consiglio di fare tutte le altre missioni principali, potenziale la vostra nave e le vostre armi) costretti anche dal rapimento del vostro equipaggio (non i vostri compagni di squadra, però) da parte dell’attacco dei Collettori alla vostra amata Normandy SR-2, partite immediatamente alla volta dello scontro finale (non facilissimo ma neanche impossibile). A questo punto, una volta giunti alla base dei Collettori, vi troverete a dover decidere come distribuire i vostri compagni, assegnando loro precisi ruoli. La prima scelta è quale dei vostri compagni, con capacità tecniche, mandare ad aprire e chiudere le porte della nave Collettori mentre la seconda chi dovrà scortare la seconda squadra attraverso i condotti. E poi decidere quale compagni voi volete con voi. Per queste tre scelte, io ho optato per Tali come tecnico (alternativa era Legion), Miranda (oppure Jacob o Garrus) come capo squadra e con me ho portato Garrus e Grunt (alternativa Mordin e Zaeed). Completata la prima parte della missione, si arriva ad una seconda serie di scelte vede quale biotico dovrà generare una barriera per proteggere voi e il vostro piccolo team, chi dovrà capitanare la squadra per creare un diversivo e chi dovrà scortare il vostro equipaggio alla nave. Le mie scelte sono state Samara (o Morinth se avete salvato quest’ultima ma valida scelta è anche Jack), Jacob (oppure Miranda o Garrus) ed ho mandato Mordin insieme all’equipaggio mentre con me ho portato Jack e Zaeed. Terminato anche fase della missione, si arriva all’ultima e qui, nuovamente, ci aspetta la scelta di chi portare con noi per lo scontro finale e la mia scelta è caduta su Thane e Miranda. Godetevi i fuochi d’artificio e finalmente avrete conquistato il tanto agognato obiettivo (o trofeo, per chi ha la PS3)!

Ultimo aggiornamento: sabato 14 maggio 2011 alle 17:51:10

Categoria: Play the game | 1 commento »
Tag:
Permalink articolo: http://blog.carlopoliti.net/2011/05/14/mass-effect-2-e-lobiettivo-nessun-sacrificio/

Segui i commenti tramite RSS 2.0 feed. Lascia un commento, oppure un trackback dal tuo sito.

« (precedente) | Home | (successivo) »

foamy
foamy